Bari corsaro a Messina: finisce 1-3 in riva allo Stretto

Biancorossi sempre più primi e vicini alla promozione in C

Scendono in campo grintosi i galletti nel match contro il Città di Messina: reduci da un pareggio amaro da buttar giù con l’Acireale, i ragazzi di mister Cornacchini fin dai primi minuti spingono forte in attacco cercando con determinazione i tre punti contro i siciliani. Subito diversi tiri che però finiscono di poco fuori lo specchio della porta, fino al 18’ con Hamlili che prova una conclusione di potenza ma colpisce il palo. Non si arrendono però i biancorossi, e al 29’ finalmente arriva il vantaggio: Floriano, servito da Hamlili, entra in area portandosi la palla sul destro e calcia a giro rasoterra sul secondo palo battendo Landi. Dopo appena cinque minuti ci prova anche Neglia sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma becca il secondo palo della giornata.

Il Bari stavolta però è davvero determinato e anche nella ripresa continua a spingere notevolmente in fase offensiva. Al 49’ arriva infatti il raddoppio: Floriano, dopo aver corso per 40 metri, si accentra e scarica a sinistra in area per Simeri, che subito crossa al centro. E qui giunge la beffa per i siciliani, con Fragapane che intercetta il tiro e mette maldestramente la palla nella propria porta segnando un’autorete.

Ci riprova poi anche Neglia, che prende la palla a centrocampo e scambia con Simeri che completa il triangolo: l’attaccante torinese però questa volta non sbaglia, entra in aria di rigore e incrocia il destro piazzando il pallone alle spalle del portiere. È così tris del Bari in casa del Messina, che prova a reagire procurandosi un calcio di rigore trasformato al 71’ da Galesio. È questo però l’ultimo brivido del match: finisce infatti 1-3 al Despar Stadium e la squadra di De Laurentiis continua indisturbata a dominare la Serie D. I galletti si portano infatti a 62 punti, frutto di 19 vittorie, 5 pareggi e 2 sconfitte: la Serie C pare ormai a un passo.