Codacons, aumentano in Puglia richieste aiuto per luce e gas

Una nota dell’associazione dei consumatori

«Aumentano in Puglia le richieste di aiuto da parte dei consumatori per problemi legati alle forniture di luce e gas». Lo afferma in una nota l’associazione consumatori Codacons, che segnala come «in regione il settore dell’energia, tra maxi-conguagli, bollette pazze e contratti estorti in modo truffaldino, sia sempre più una giungla dove è difficile per i cittadini districarsi».

«Mentre le tariffe di luce e gas subiscono incrementi con conseguenti aggravi di spesa per i consumatori, le famiglie denunciano un generale peggioramento del servizio – spiega il Codacons – La conferma arriva dagli ultimi dati forniti dall’Autorità per l’energia, secondo cui gli utenti della Puglia hanno subito in un anno interruzioni delle forniture elettriche per una durata totale di 70 minuti, contro una media nazionale di 51 minuti».

Sul fronte del gas «si registra in regione una crescente tendenza delle famiglie a cambiare gestore, con un tasso di ‘switching’ che per gli utenti domestici raggiunge quota 5,8% (contro una media nazionale del 6,1%). Spesso però il cambio di fornitore alimenta problemi con bollette e letture dei contatori, dando vita ai cosiddetti maxi-conguagli che rappresentano un incubo per i consumatori, oltre che una spesa non affrontabile da molti nuclei in difficoltà».