Zerobarriere, successo per triathlon e paratriathlon a Bari

Circa 200 atleti e paratleti partecipanti nel capoluogo pugliese

Emozionato e felice, è apparso così Marco Livrea presidente della cooperativa sociale ZEROBARRIERE e promotore dell’iniziativa organizzata a Bari nell’area che si sviluppa tra il lido Pane e Pomodoro, Piazza Diaz e a sud verso San Giorgio. L’evento organizzato con il CUS Bari e la cooperativa sociale ZeroBarriere, ha avuto un grande supporto di Fondazione Puglia, Puglia Promozione e il patrocinio dell’assessorato all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, del Comune di Bari e dell’assessorato comunale allo Sport, dell’Università “Aldo Moro”, in collaborazione con FITRI nazionale e regionale, CONI Puglia e Comitato Italiano Paralimpico e con il supporto della scuola di ciclismo Franco Ballerini, Le ZanZare, scuola Cani Salvataggio Nautico e l’associazione Marta Russo. Vincitori della 1ma edizione di Triathlon sprint Emanuele Faraco della Ermes Campania e per il Paratriathlon Giovanni Achenza della Team Equa

«Questo è un sogno che si avvera – dice Marco Livrea Presidente della Cooperativa Sociale ZeroBarriere – dopo due anni di lavoro e l’impegno di tante persone coinvolte siamo riusciti a far conoscere questo tipo di manifestazioni ad una città come Bari. Tutto questo ci premia per i sacrifici fatti. Atleti e paratleti insieme, per un unico traguardo, una bellissima soddisfazione. Ringrazio l’amministrazione comunale, che ci ha dato un’assistenza tecnica notevole, realizzando 14 nuovi scivoli e rampe nell’area interessata, riasfaltando il tratto di strada interessato dal percorso per renderlo liscio e percorribile, e reso accessibili ai paratleti tutti i servizi igienici. Un personale plauso al CUS Bari che da subito ha accettato la mia proposta e si è reso disponibile, organizzando tutta la parte tecnico sportiva dell’evento».

Circa 200 tra atleti e paratleti che nel corso della mattinata si sono sfidati in una gara articolata in tre fasi: il nuoto, il ciclismo/handbike, e il podismo/carrozzina. Un evento che ha letteralmente trasformato un lungo tratto del lungomare barese per 10 km in una grande area grande dedicata al Triathlon con la partecipazione di decine di atleti con disabilità e normodotati che si sono confrontati su un percorso ‘sprint’ con partenza e arrivo dalla spiaggia più famosa della città. I vincitori sono stati premiati dal campione paralimpico Luca Mazzone, vincitore dell’oro nell’handbike a Rio 2016 e ai Mondiali di Sudafrica

«Una cosa unica, straordinaria – ha detto Mazzone – che ha rivolto apprezzamenti all’organizzazione, che con passione e sacrificio ha realizzato un sogno, portando l’handbike a Bari. Ogni domenica ci vorrebbero gare come queste, anche integrate al triathlon e ciclismo normo». «Il coraggio, la determinazione, la voglia di vivere potete conoscerla attraverso i volti di queste straordinarie donne e uomini che oggi ci hanno dato una grande lezione di sport e di vita» ha detto il sindaco Antonio Decaro sul palco commentando il successo di Bari Zerobarriere 2017. Grand Final Paratriathlon Series Trofeo CUS Triathlon.

Il Presidente del CUS Bari, Giuseppe Seccia, emozionato ha detto di essere davvero felice del successo e della partecipazione dei duecento partecipanti. «Per noi è un onore organizzare queste manifestazioni in una location, tra l’altro come quella di oggi, ancora un’apertura della città al mare».