Il cane Zeus e la storia senza lieto fine: morto sui binari

A Bari il tragico ritrovamento dell’amico a quattro zampe rubato assieme all’auto

In tanti avevano sperato che potesse tornare a casa, tra le braccia dei suoi padroni ma purtroppo il tanto atteso lieto fine non c’è stato. È stato ritrovato morto nelle campagne del nord Barese Zeus, il cane da caccia rubato, il 26 ottobre scorso, a Palese, assieme all’auto dei suoi proprietari.  L’animale, un esemplare maschio di razza Breton, è stato rinvenuto da una donna di passaggio, poco fuori Bitonto: era steso vicino ai binari. L’autopsia effettuata dal veterinario ha evidenziato tagli a livello del muso, il che farebbe pensare che il cane si stato colpito da un treno in corsa mentre cercava di attraversare il tratto di ferrovia.

È probabile che i ladri, accortisi della presenza dell’animale a bordo della vettura, lo abbiano liberato dal trasportino in cui era riposto e poi se ne siano sbarazzati, abbandonandolo in una zona di campagna. La sua storia aveva commosso il web, dopo l’appello su Facebook pubblicato tre giorni fa della sua padrona che chiedeva aiuto al popolo della rete per ritrovare il suo fedele amico a quattro zampe.

Il post, corredato da foto del cane, in poco tempo è diventato virale venendo condiviso da migliaia di utenti e sulle pagine di diverse associazioni animaliste. Moltissimi anche i messaggi di sostegno ricevuti dalla donna che, una volta avuta la tragica notizia, ha voluto comunque ringraziare i tanti volontari che si sono impegnati nelle ricerche di Zeus con la speranza di ritrovarlo vivo ed in buona salute. Una speranza che purtroppo è rimasta tale.