Sono gravi le condizioni del bimbo che ha rischiato di annegare mercoledì pomeriggio

Lo stato di salute del piccolo è costantemente monitorato dai medici

È ancora ricoverato in gravi condizioni, nel reparto di Terapia Intensiva del Policlinico di Bari, il bambino di 3 anni che ieri pomeriggio ha rischiato di annegare, dopo essere scivolato su uno scoglio nella spiaggia libera del Canalone, nel quartiere San Girolamo di Bari. Lo stato di salute del piccolo è costantemente monitorato dai medici: c’è un cauto ottimismo ma complessivamente la situazione appare ancora critica. Non è ancora ben chiara la dinamica dell’incidente, accaduto intorno alle 14. Il bimbo era in spiaggia con alcuni familiari quando è riuscito improvvisamente a sfuggire al loro controllo, allontanandosi da solo. Arrivato vicino al mare, avrebbe perso l’equilibrio, battendo violentemente la testa su uno scoglio e finendo in acqua. Dopo la caduta, il piccolo avrebbe perso conoscenza e sarebbe certamente annegato se non fosse stato salvato da un bagnante, che ha richiamato l’attenzione delle persone sulla spiaggia. I primi soccorsi sono arrivati da una infermiera e da una giovane aviera dell’Aeronautica che si trovavano sul posto ed hanno tentato di rianimare il bambino con un massaggio cardiaco. Sono giunti poi gli operatori del 118. Durante la disperata corsa in ambulanza verso l’ospedale, il bimbo avrebbe ripreso conoscenza. Con i sanitari, sono intervenuti anche il personale della Polizia in servizio al Policlinico, che hanno effettuato un sopralluogo nella zona dell’incidente e interrogato i familiari del piccolo, per ricostruire l’accaduto.