Saranno sei gli europarlamentari che rappresenteranno la Puglia a Bruxelles: è questo l’esito delle Elezioni Europee che hanno disegnato il nuovo parlamento comunitario. Al top nel gradimento degli elettori il sindaco uscente di Bari, Antonio Decaro, che fa il pieno di voti con circa 495mila preferenze nella Circoscrizione Italia Meridionale, che oltre alla Puglia comprende Campania, Abruzzo, Molise, Basilicata e Calabria. Un vero e proprio “effetto Decaro” quello innescato da questa tornata elettorale, capace di trainare l’intero PD, primo partito in Puglia con il 33,75%.

Si appresta ad entrare nel Parlamento Europeo anche il consigliere regionale canosino di Fratelli d’Italia Francesco Ventola che si afferma con 88mila preferenze.

Tra gli eletti pugliesi esponenti del partito guidato dall’attuale premier Giorgia Meloni anche il consigliere regionale Michele Picaro, che ottiene oltre 54mila voti e Chiara Maria Gemma, che con 46mila preferenze ottiene la riconferma a Bruxelles dalla “porta di servizio” per via della prevedibile rinuncia della Meloni.

Tra i pugliesi che rappresenteranno invece il Movimento 5 Stelle tra i banchi del Parlamento Europeo, il foggiano Mario Furore (europarlamentare uscente) che prende più di 38mila preferenze e la brindisina Valentina Palmisano, ex deputata e attualmente presidente del consiglio comunale della città di Ostuni, che incassa circa 43mila voti.

Ma il vero exploit di questa tornata elettorale è tutto per il sindaco di Bari, Antonio Decaro, che ha già le idee chiare su quali saranno le prime istanze da portare in Europa.