Caso sospetto di Coronavirus a Bisceglie: i primi esami escludono il contagio

Paziente cinese sarà presto dimesso dal Policlinico di Bari

Il paziente sta molto meglio e, una volta completati tutti gli accertamenti clinici del caso, potrà tornare a casa. Buone notizie in arrivo dal Policlinico di Bari sulle condizioni di salute del cittadino cinese di 40 anni, ricoverato ieri nel reparto Malattie Infettive per un sospetto caso di Coronavirus.

I primi esami eseguiti dal personale specializzato, avrebbero infatti escluso qualsiasi legame con la terribile epidemia di origine asiatica, che ha già causato più di 1.000 morti in tutto il mondo.
L’uomo si era presentato, ieri mattina, presso il Pronto Soccorso dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie con sintomi influenzali e lamentando disturbi gastrointestinali. Il paziente ha dichiarato ai medici di essere rientrato in Italia i primi di febbraio, dopo aver trascorso alcuni giorni nel suo Paese di origine.

In base a quanto disposto dal protocollo operativo regionale, in presenza di persone di ritorno dalle aree cosiddette “endemiche”, il 40enne era stato immediatamente trasferito con un’ambulanza dedicata presso la struttura sanitaria barese. Qui è stato subito sottoposto a tutte le analisi previste in questo genere di casi e i cui risultati sono stati resi noti in meno di 24 ore.
Sarebbe stata così scongiurata l’ipotesi di un contagio, così come avvenuto, una settimana fa, per un altro caso sospetto di Coronavirus registrato nella provincia Bat: quello di una donna arrivata con sintomi febbrili all’ospedale “Dimiccoli” di Barletta e successivamente trasferita al Policlinico di Bari. Anche in questo caso, gli esami diedero esito negativo

Lascia un Commento