Terremoto nell’ospedale di Molfetta: arrestati 12 furbetti del cartellino

Terremoto nell’ospedale di Molfetta: arrestati 12 furbetti del cartellino

Sono 30 in totale gli indagati tra dirigenti, paramedici, impiegati amministrativi e tecnici

È di 30 indagati, di cui 12 arrestati e uno con obbligo di dimora, il bilancio di una indagine della Guardia di finanza conclusa oggi che ha svelato un sistema di fraudolenta solidarietà per timbrare il cartellino per assentarsi dal lavoro durante l’orario di servizio all’Ospedale «Don Tonino Bello» di Molfetta (Bari). Tra gli indagati figurano dirigenti medici, personale paramedico, impiegati amministrativi, tecnici manutentori nonché un soggetto esterno all’Azienda Sanitaria Locale.

I reati contestati, a vario titolo, sono truffa aggravata ai danni di Ente Pubblico, Falsità ideologica commessa da Pubblico Ufficiale, Abuso d’ufficio e Peculato.

La Asl ha già sospeso i 12 arrestati. “Noi siamo parte offesa – dice il direttore generale della Asl di Bari, Antonio Sanguedolce – e abbiamo collaborato alle indagini fornendo tutto quanto ci è stato richiesto dagli inquirenti”.