Scoperto manufatto edilizio illecito nel Parco dell’Alta Murgia

Scoperto manufatto edilizio illecito nel Parco dell’Alta Murgia

Sequestrato dai Carabinieri Forestali. Deferito alla Magistratura l’esecutore delle opere.

E’ stata di recente portata a termine dai militari della Stazione Parco di Altamura un’attività di indagine a tutela dei territori del Parco Nazionale dell’Alta Murgia che ha permesso di scoprire in località “Tarola” in agro di Cassano delle Murge, la realizzazione, già avviata e non ancora completata, di un manufatto edilizio ad uso residenziale.

All’arrivo dei militari le betoniere erano ancora all’opera intente a colare il cemento sulla fondazione, realizzata adiacentemente ad un preesistente fabbricato tanto da poterne poi determinare una maggiore volumetria complessiva. I successivi accertamenti hanno appurato che per i lavori in essere non risultavano essere stati rilasciati i prescritti titoli abilitativi in materia edilizia come pure quelli attinenti la vincolistica paesistico ambientale.

Infatti, l’area occupata dalle opere abusive, è risultata classificata non solo Parco Nazionale dell’Alta Murgia ma anche Zona di Protezione Speciale e a vincolo paesaggistico per le quali il proprietario non è stato in grado di fornire i relativi “nulla osta”. Per questo un’area di quasi 100 mq ove insisteva il nuovo manufatto, è stata posta sotto sequestro preventivo mentre il proprietario nonché esecutore materiale dell’illecito L.F. di 56 anni residente a Santeramo in Colle, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria di Bari.