Non arrivano plichi per test d’ingresso all’Ateneo: Ministero annulla prova per 600 aspiranti insegnanti

Non arrivano plichi per test d’ingresso all’Ateneo: Ministero annulla prova per 600 aspiranti insegnanti

Caos e proteste alla prova per accedere al tirocinio formativo attivo

I candidati avrebbero dovuto analizzare quattro brani, dimostrando competenze linguistiche e comprensione del testo. Peccato che dei brani non ci fosse neppure l’ombra nei plichi inviati da Cineca, il Consorzio interuniversitario che gestisce per conto dell’Università di Bari le prove selettive e i test d’ingresso.

E così il Ministero dell’Istruzione ha dovuto annullare la prima prova per accedere al Tirocinio Formativo Attivo che abilita all’insegnamento del sostegno dedicato alla scuola primaria, non senza le proteste di centinaia di candidati che dovranno ripetere il quiz entro otto giorni.Un disservizio che l’Università potrebbe contestare a Cineca, visti anche i costi sostenuti per ogni prova di accesso.

L’amara sorpresa è stata riservata a circa seicento aspiranti docenti di sostegno per le scuole elementari, che nel pomeriggio di lunedì 15 aprile si sono presentati nell’Ateneo di Bari per sostenere il test, come hanno fatto i loro colleghi dell’infanzia senza inghippi nella mattinata. Nel complesso per accedere a 1200 posti del Tirocinio Formativo Attivo che abilita all’insegnamento del sostegno, tra Bari, Foggia e Lecce si sono candidati circa 12mila aspiranti. Disposti a pagare tremila euro per otto mesi di corso, che permette di conquistare il via libera verso le supplenze e i futuri concorsi che il Ministero per l’istruzione vorrà bandire.

I test preliminari sono cominciati ieri dalla scuola dell’infanzia in mattinata, a seguire nel pomeriggio è stata la volta dei candidati al sostegno nella primaria. Oggi si continua con la secondaria di primo e secondo grado: la prova di accesso è articolata in test preliminare, prova scritta e prova orale. Per la giornata di oggi si prevede l’arrivo di oltre 4mila candidati, che occuperanno le aule più capienti di Ateneo, Campus e Policlinico.