Il Bari non va oltre il 2-2 al “San Nicola” contro il Roccella

Inutile il doppio vantaggio dei biancorossi siglato da Floriano e Simeri

Il Bari sbatte contro il Roccella pareggiando 2-2 senza brillare e vede ridotti a 9 i punti di distacco dalla Turris seconda in classifica. Ma in tema di statistiche la squadra di Cornacchini riesce a concludere il girone d’andata senza una sconfitta.

È l’unica del campionato di serie D, nei nove gironi, imbattuta al giro di boa. Sprecato il doppio vantaggio maturato con le reti di Floriano, al 41′, lesto a insaccare da due passi un pallone deviato in area da Simeri e dello stesso Simeri, al 45′, su calcio di rigore concesso per fallo di mano di Asselti.

Il gol che riapre la partita per i calabresi arriva al 53′ grazie ai suoi due baresi di nascita: è bravo Colaianni a sorprendere da due passi Marfella a difesa distratta, sulla punizione furba di Pizzutelli. Al 91′ la conclusione dalla distanza di Amelio si infila all’angolino per il pareggio. Era dal 23 settembre scorso (perdipiù su rigore) che i biancorossi non subivano gol in casa.

Fantasia al comando in avanti, dove Floriano, Neglia e Piovanello sono i tre prescelti a sostegno dell’unica punta Simeri. Dietro di loro, a chiudere e ripartire, il consolidato duo composto da Bolzoni e Hamlili, punto di riferimento dall’inizio della stagione.

Prima del fischio d’inizio omaggio floreale alla curva del San Nicola da parte del numero 10 ospite, il barese Pizzutelli, per ricordare il suo passato nelle giovanili biancorosse. C’è più spinta nella prima frazione con Floriano, Hamlili e Simeri che impegnano la retroguardia calabrese, abile a proteggersi come può fino alle reti.

A risultato apparentemente acquisito i baresi sembrano abbassare i giri, fino a subire in alcuni frangenti le offensive del Roccella che, nonostante i 22 punti di distanza in classifica, esce dal San Nicola con una buona prova e un punto inaspettato davanti a 3.213 paganti (oltre ai 7.680 abonati). In serie D un numero sempre impressionante. Si ricomincia all’Epifania, con la prima gara del girone di ritorno in casa contro il Messina terzultimo in classifica.