Picchiano il barista che chiede di pagare il conto: due arresti

L’episodio durante la festa patronale. Danneggiata una macchina dei Carabinieri

Hanno picchiato il barista che, dopo aver servito loro da bere, aveva chiesto che pagassero il conto. E’ successo a Terlizzi dove i carabinieri hanno arrestato due uomini di origini albanesi, per i reati di estorsione aggravata, danneggiamento aggravato, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

L’arresto è scattato a seguito di diverse richieste di intervento, pervenute al “112” da parte di alcuni clienti di un bar in piazza Cavour, i quali, impauriti, sono stati costretti ad assistere a scene di violenza mentre erano in corso i festeggiamenti della festa patronale in onore della Madonna di Sovereto.

Nel locale, i due stavano bevendo una birra e alla richiesta di pagamento avanzata dal titolare, hanno pensato bene di colpirlo con schiaffi e pugni, minacciandolo di morte e brandendo, davanti agli avventori, molti dei quali bambini, un coltello per costringere il malcapitato a servire loro ancora da bere. Al diniego del barista, i due uomini hanno quindi danneggiato il locale, mandando in frantumi diverse bottiglie che erano sul bancone. A quel punto sono arrivati i carabinieri che dopo una breve colluttazione, hanno proceduto all’arresto dei due.

Durante l’intervento è stata danneggiata un’autovettura di servizio dell’Arma. I due fermati, entrambi non in regola con i documenti di soggiorno, in seguito all’arresto sono stati condotti, su disposizione della Procura di Trani, in carcere mentre il coltello è stato sequestrato.

Gli arresti sono stati convalidati e per uno degli uomini, con precedenti specifici per questo genere di reati, è stata disposta la permanenza in carcere, mentre per il secondo, incensurato, è stato disposto l’obbligo di dimora.