Donna uccisa per errore: boss picchiato in carcere da uomini del clan amico

Donna uccisa per errore: boss picchiato in carcere da uomini del clan amico

Forse regolamento di conti tra gruppi criminali contigui

Sarebbe stato aggredito da detenuti affiliati al clan Capriati di Bari il boss di Bitonto Domenico Conte, arrestato dopo 37 giorni di latitanza perché ritenuto il mandante dell’agguato del 30 dicembre 2017 nel centro storico della cittadina in provincia di Bari, nel quale fu uccisa per errore la 84enne Anna Rosa Tarantino. Conte è stato picchiato domenica scorsa, 27 maggio, all’interno del carcere di Bari.

Stando alle indagini coordinate dalla Dda ad aggredirlo, causandogli lesioni al volto e ad un orecchio, sarebbero stati uomini, ancora non identificati ma appartenenti a un gruppo criminale barese ritenuto vicino al suo stesso clan. Gli inquirenti ipotizzano un regolamento di conti interno per la gestione dei traffici illeciti, una spaccatura tra il gruppo capeggiato da Conte a Bitonto e gli alleati baresi della città vecchia. L’aggressione, quindi, non sembrerebbe legata all’agguato dello scorso 30 dicembre. Su quella vicenda, intanto, inizierà il 6 giugno, nell’aula bunker di Bitonto, l’incidente probatorio chiesto dalla Procura per cristallizzare le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Michele Sabba e Rocco Papaleo, esecutori materiali dell’omicidio della signora Tarantino, che hanno accusato il boss Conte di essere il mandante del delitto.