Boss Conte picchiato in carcere a Bari, Procura apre inchiesta

Boss Conte picchiato in carcere a Bari, Procura apre inchiesta

E’ ritenuto il mandante dell’agguato in cui morì donna 84enne

È stato picchiato in carcere il boss di Bitonto Domenico Conte, arrestato il 27 maggio scorso, dopo 37 giorni di latitanza, perché ritenuto il mandante dell’agguato del 30 dicembre 2017 nel centro storico della cittadina in provincia di Bari nel quale fu uccisa per errore la 84enne Anna Rosa Tarantino. Lo stesso giorno dell’arresto, anche se lo si apprende solo oggi, alcuni detenuti lo avrebbero aggredito con calci e pugni, provocandogli lesioni al volto e ad un orecchio.

Dopo un giorno in ospedale per gli accertamenti, il boss è tornato in cella, nel carcere di Bari, ed è attualmente detenuto in isolamento. L’aggressione sarebbe avvenuta nella cosiddetta ‘zona di passeggio’, dove i detenuti si incontrano. La Procura di Bari ha aperto un’indagine sul pestaggio per individuare autori e movente. Gli inquirenti sono orientati a ritenere che lo stessero aspettando per dargli una lezione. Sentito sull’accaduto, Conte ha detto di non conoscere chi lo ha aggredito e di non capirne il motivo.