Beni per 5 milioni di euro confiscati al “boss delle bibite”

Operazione dei Carabinieri su provvedimento del Tribunale di Bari

Due società, entrambe attive nel settore della distribuzione all’ingrosso di bevande tra Bari e provincia, una lussuosa villa di 150 mq. ubicata nella frazione Torre a Mare, 6 autovetture, tra cui un Mercedes del valore di 70.000 euro, un’ imbarcazione e 17 rapporti di conto corrente bancari per un ammontare pari a 5 milioni di euro sono stati confiscati dai carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Bari. Il provvedimento, emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Bari, ha riguardato Cosimo Naviglio, già condannato per traffico di sostanze stupefacenti nell’ambito di un’associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di grossi quantitativi di cocaina tra l’Italia e i Balcani, pregiudicato inoltre per furto e detenzione di armi, già sorvegliato speciale di Pubblica Sicurezza.

Il provvedimento segue il “sequestro di beni mobili e immobili” effettuato nell’agosto 2016, scaturito da un’indagine patrimoniale dei Carabinieri, che ha permesso di appurare come il Naviglio, a fronte di modesti redditi dichiarati 3mila euro l’anno), avesse realizzato nel tempo un rilevante patrimonio grazie al reimpiego dei guadagni conseguiti dalle attività illecite, intestando i beni a familiari e “prestanome”.