Volley: presentata a Bari la final four di Coppa Italia maschile

Civitanova, Modena, Trento e Perugia al Palaflorio il 27 e 28 gennaio

E’ stata presentata questa mattina, a Palazzo di Città, la sessione finale della 40/a edizione della Coppa Italia Serie A di pallavolo maschile, che si svolgerà nel PalaFlorio di Bari il 27 e 28 gennaio prossimi. La manifestazione, che ha come title sponsor Del Monte, prevede la partecipazione di sei squadre: quattro per la finale di SuperLega (Cucine Lube Civitanova e Azimut Modena impegnate nella prima semifinale di sabato e Diatec Trentino e Sir Safety Conad Perugia nella seconda) e due per la finale di Serie A2 (Ceramica Scarabeo GCF Roma e Caloni Agnelli Bergamo).

All’incontro con la stampa sono intervenuti l’assessore comunale allo Sport Pietro Petruzzelli, l’ad della Lega pallavolo Serie A Massimo Righi, il vicepresidente Fipav Giuseppe Manfredi e il presidente Fipav Puglia Paolo Indiveri. «Questo è l’anno della grande pallavolo a Bari – ha dichiarato Petruzzelli – di questo voglio ringraziare la Lega Pallavolo Serie A per aver scelto la nostra citta’ per le finali di Coppa Italia e la Fipav per aver voluto portare qui i mondiali di pallavolo maschile, in programma a settembre. Nel corso di questa stagione stiamo già assaporando l’atmosfera del volley di alto livello ospitando la squadra di Castellana che gioca in serie A. Perciò siamo pronti a goderci questa straordinaria manifestazione sportiva«.

«La finale di Coppa Italia – ha detto Manfredi – è uno dei due grandi eventi che stiamo organizzando a Bari. Questa è una terra dove la pallavolo è molto amata e seguita. Ad esempio, qualche giorno fa a Martina Franca, per la qualificazione europea di un campionato juniores, il palazzetto è stato riempito da 2.000 spettatori, numeri impressionanti ottenuti nella regione dove il volley maschile cresce più che nelle altre regioni». «La Puglia – ha aggiunto Righi – costituisce l’unico caso in Italia di prevalenza di uomini rispetto alle donne nella pratica del volley. Ciò significa che qui si lavora bene con le scuole, le associazioni sportive e le varie strutture e istituzioni. Peraltro, questa regione conta sei squadre in serie A, tra campionato maschile e femminile».