Romeno ucciso a Bari, cognato condannato

Romeno ucciso a Bari, cognato condannato

Per altro cognato imputato, processo ancora in corso

E’ stato condannato a 30 di carcere l’uomo di 41 anni, Michele Tangorra, di Bari, che il 3 marzo 2016 ha ucciso il compagno di sua sorella, un cittadino romeno, perchè era contrario alla loro relazione. La vittima, Robert Gabriel Asan, aveva 30 anni. L’uomo è stato condannato con rito abbreviato dal Gup di Bari per omicidio volontario premeditato, tentato omicidio e detenzione di armi e munizioni. Per lo stesso delitto un’altra persona, il 48enne Nicola Ruggieri (marito di un’altra sorella dell’imputato) è a processo dinanzi alla Corte di Assise. Asan, con precedenti per estorsione, percosse, rissa, minacce, resistenza e violenza, era da poco uscito dal carcere.

Stando alle indagini dei carabinieri, che arrestarono i due presunti assassini poche ore dopo l’omicidio, Asan sarebbe stato ucciso perché la famiglia della sua compagna non accettava la loro relazione. Alcune settimane prima del delitto Tangorra aveva già tentato di uccidere l’uomo sparandogli senza però riuscire a colpirlo.