Linea metro Bari – Bitritto entro fine anno

Linea metro Bari – Bitritto entro fine anno

Giannini: Opera sarà completata nei tempi necessari

L’assessore alla Mobilità e Infrastrutture, Giovanni Giannini, ha partecipato questa mattina al sopralluogo sulla nuova linea metropolitana Bari-Bitritto, in via di ultimazione.

Con Giannini, il sindaco di Bari Antonio Decaro, il presidente delle Ferrovie Appulo Lucane Matteo Colamussi e il sindaco di Bitritto, Giuseppe Giulitto. I dieci chilometri di binario si diramano dal trincerone della Bari-Taranto all’altezza di via Santa Caterina e via Massimi Losacco, proseguendo verso la tangenziale, scavalcata con un viadotto e verso il quartiere Santa Rita, a Carbonara.
Passa da Loseto per poi arrivare a Bitritto con una stazione di testa, da dove – a bordo di un carrello per lavori – è partito il sopralluogo, sulla linea già armata con i binari e che presto sarà completamente elettrificata e attrezzata con i più moderni sistemi di controllo.

Due le stazioni intermedie subito disponibili: Santa Rita-Carbonara e Loseto, prevista una terza nei pressi dello stadio San Nicola. Il completamento dell’opera sarà possibile con fondi regionali e del Por Puglia 2017-13 per circa 34,6 milioni di euro.

“Finalmente – ha dichiarato l’assessore Giannini – dopo oltre vent’anni la linea ferroviaria Bari-Bitritto sta per essere completata, grazie anche all’impegno fattivo della Regione e nonostante i numerosi intoppi che si sono verificati in tutti questi anni. La certezza della realizzazione dell’intervento non può quindi più essere messa in discussione. L’apertura avverrà nei tempi tecnici strettamente necessari per la conclusione dei lavori e per la messa in esercizio. L’intervento concretizzerà un altro pezzo di metropolitana di superficie, che collegando Bitritto e Loseto a Bari centrale in pochi minuti, si aggiungerà al collegamento della stazione centrale con il San Paolo e alla linea Fal per il Policlinico. Questo consentirà alla città metropolitana di sviluppare un piano del Trasporto pubblico locale sostenibile, moderno e rispondente alle richieste dell’utenza”.